CROLLO DEL PETROLIO: MA QUESTA E' INFORMAZIONE?

Ieri sera ho notato incessanti notizie aventi per oggetto il CROLLO DEL PETROLIO.

Dopo aver letto i titoli anche di autorevoli testate giornalistiche, TG nazionali e social rettificati con maggiori dettagli poi oggi, mi sono sentito in dovere di intervenire.

Senza una spiegazione a quanto annunciato, le interpretazioni possono essere molto ambigue.

Faccio un po' di chiarezza.

Le 2 principali varietà di petrolio nel mondo sono il BRENT che viene estratto nel mare del Nord ed il WTI (west texas intermediate) che proviene dal sud degli Stati Uniti D’America.

Sarebbe doveroso specificare che è il CONTRATTO FUTURE sul greggio statunitense WTI con scadenza a maggio 2020 ( i barili di petrolio WTI che devono essere consegnati a maggio 2020) ad essere sceso a -37,63 dollari al barile.

COSA SIGNIFICA CHE IL PREZZO SUL CONTRATTO FUTURE SUL PETROLIO WTI A MAGGIO E’ SCESO IN NEGATIVO?

Significa che chi vende è chiamato a pagare a maggio chi acquista il contratto purchè si prenda i barili di petrolio comprati!

La discesa della quotazione del WTI per maggio è un’anomalia dovuta ad un mix di fattori: riduzione della domanda dovuto allo stop delle attività, saturazione della capacità di immagazzinamento, speculazione e scadenze tecniche in cui molti strumenti finanziari sono stati costretti a vendere dato che non possono minimamente prendere in considerazione la consegna del greggio a scadenza del contratto. Da questa situazione sono molto preoccupati i produttori americani e soprattutto quelli di SHARE OIL, ossia il petrolio estratto dalle rocce.

Sarebbe opportuno anche dire che le quotazione del barile WTI con il contratto FUTURE su giugno (i barili di petrolio WTI che devono essere consegnati a giugno 2020) per esempio a ieri erano circa 17 dollari al barile e quelle del BRENT per lo stesso mese a circa 21 dollari a barile.

COSA CAMBIA PER NOI?

Per essere chiari, nessuno ci pagherà per fare il pieno.

Il prezzo di riferimento in Europa è quello del BRENT del mare del Nord, che oggi è circa di 21 dollari al barile.

Come spiega Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, il crollo della quotazione del contratto di maggio sul WTI è molto tecnica e finanziaria ed ha solo un impatto indiretto sulla materia prima. La benzina può scendere di 20 centesimi ma con le tasse il litro resta sopra € 1,20 e ci si aspetta già un forte rimbalzo ai distributori già dai mesi estivi. Bollette di luce e gas più leggere.

E PER QUANTO RIGUARDA I RISPARMI?

Quanto accaduto è un'ulteriore dimostrazione dell'importanza di avere una gestione professionale e sopratutto ben DIVERSIFICATA  dei propri risparmi in grado di coniugare, nella selezione delle società, il criterio della profittabilità a quello della SOSTENIBILITA'.


 

Fabio Cassone

Per una prima consulenza, scrivimi!

ti contatterò molto presto per concordare data e luogo dell'appuntamento

Fabio Cassone

Consulente Finanziario Iscritto all’Albo dei Consulenti Finanziari con Iscrizione Numero 14412 del 10/02/2004

P.Iva 02028420061

 3335214328
 000000000000
 fabio.cassone@allianzbankprivate.it

Ufficio 1

Via Fratelli Zavattari 12
20121 - Milano (MI)
 3335214328

Ufficio 2

Via Ospedale 20
14100 - Asti (AT)
 3335214328

QR code

Le informazioni riportate sono curate e raccolte direttamente da Fabio Cassone. Non costituiscono né una richiesta, né un'offerta o raccomandazione all'acquisto / alla vendita di strumenti finanziari, all'esecuzione di determinate transazioni o alla conclusione di un'altra operazione di investimento. Queste informazioni hanno carattere unicamente illustrativo.